Firmata l'Intesa per lo sviluppo 2018 – 2020

18/01/2018 - Lunedì 8 gennaio è stata firmata dalla Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani e dal Presidente del Consiglio delle Autonomie locali Andrea Carli l'Intesa per lo sviluppo regionale e locale 2018-2020.

Con questo documento viene definito il piano dei finanziamenti per la realizzazione degli interventi di area vasta nel triennio. Alle Unioni Territoriali Intercomunali viene assegnato il valore complessivo di 147 milioni di euro.

Di preciso, sono stati messi a disposizione 20 milioni di euro per l'anno 2018, 40 milioni di euro per l'anno 2019 e circa 40 milioni di euro per l'anno 2020 alle 18 Unioni territoriali, a tali cifre di aggiungono gli importi derivanti dall'avanzo dei bilanci delle ex Provincie di Trieste, Gorizia e Pordenone. All'importo complessivo vanno sommati i 13,5 milioni di euro già stanziati dalla Regione F.V.G. per sostenere le progettazioni necessarie all'avvio degli interventi oggetto dell'Intesa per lo sviluppo 2017-2019.

Nell'insieme gli interventi previsti sul territorio nei Piani delle Unioni sono 252, ovvero in media almeno uno per ciascun Comune, sono finalizzati allo sviluppo delle potenzialità locali e al superamento delle criticità delle specifiche aree territoriali. I Piani hanno assegnato priorità ad interventi inclusi nel settore di promozione del turismo, in particolare per la mobilità “lenta”, nel campo del welfare, ad attività che prevedono la messa in sicurezza del territorio, il recupero degli edifici pubblici e la valorizzazione del patrimonio storico ed artistico.

Il finanziamento complessivo degli interventi previsti dall'Intesa per lo sviluppo 2018 – 2020 per l'UTI Giuliana – Julijska MTU ammontano a euro 20.143.000,00, che verranno utilizzati nei diversi ambiti strategici previsti dal Piano:

  • AMBITO STRATEGICO N.1: “Un territorio delle forti potenzialità” che contiene gli obiettivi strategici: Definire le politiche di area vasta del territorio; Promozione dello sviluppo sostenibile del territorio, della costa e del mare, anche in funzione turistica; Definire un piano comunale coordinato della viabilità di area vasta in relazione agli accessi e ai collegamenti nel perimetro dell'UTI.
  • AMBITO STRATEGICO N.2: “Una comunità coesa e solidale” che contiene gli obiettivi strategici: Condividere politiche e strategie di intervento con gli attori pubblici e privati (profit e no profit) del territorio per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi; Rafforzare domiciliarietà e sostenere le famiglie nelle diverse aree di utenza; Promuovere misure di contrasto alla povertà secondo una logica di attivazione che miri all'autonomia della persona; Promuovere lo sviluppo di comunità.
  • AMBITO STRATEGICO N. 3: “Un territorio di opportunità” che contiene gli obiettivi strategici: Favorire il raggiungimento dei migliori livelli di istruzione anche attraverso il perseguimento delle qualità delle strutture e attrezzature scolastiche; Promuovere la pratica sportiva in tutte le fasce d'età.
  • AMBITO STRATEGICO N. 4: “Un nuovo modello di ente locale” che contiene l'obiettivo strategico: Mettere a punto gli elementi necessari per la governance di area vasta.
Attualità Economia

Condividi

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto